GE Healthcare

Informazioni rivolte esclusivamente a professionisti del settore medico-sanitario


GE presenta un nuovo sistema ecografico per la completa presa in carico del paziente con patologie del fegato. Un passo importante verso la diagnosi precoce ed il monitoraggio delle epatopatie croniche.


MILANO, 22 Settembre 2017

Oggi, l’epatopatia cronica è un problema sempre più diffuso e pressante nell’ambito dell’assistenza sanitaria pubblica. Nel mondo vi sono, infatti, più di un miliardo di persone affette da questa patologia che può essere causata da un virus, come l’epatite B o C, da un eccessivo consumo di alcool o da abitudini alimentari scorrette che provocano malattie quali la steatoepatite non alcolica (NASH) e la steatosi epatica non alcolica (NAFLD).

Tali patologie generalmente restano asintomatiche e pertanto è cosa comune che non vengano diagnosticate fino a quando non raggiungono uno stadio troppo avanzato; peggiorano nel tempo e possono portare a complicazioni potenzialmente anche letali.

Per fornire ai medici un ulteriore aiuto nella lotta contro tali malattie, GE Healthcare e Echosens si sono unite per offrire un nuovo sistema integrato, il Sistema ad ultrasuoni LOGIQ™ S8 XDclear™ 2.0, presentato per la prima volta ad Amsterdam in occasione dell’International Liver Congress (ILC 2017). Unendo le migliori tecnologie nel campo della quantificazione del tessuto epatico e dell’imaging a ultrasuoni, questa piattaforma esclusiva offre un’ampia gamma di soluzioni per lo screening, la diagnosi e il monitoraggio delle epatopatie.

Il sistema ad ultrasuoni LOGIQ™ S8 XDclear™ 2.0 rappresenta il fiore all’occhiello di GE Healthcare per una vasta gamma di indicazioni cliniche. Questo ecografo supporta il “pacchetto fegato”, un sistema ad hoc in grado di fornire funzionalità all’avanguardia per l’imaging ecografico del fegato.

Echosens invece ha sviluppato FibroScan®, uno strumento di riferimento per la valutazione quantitativa del tessuto epatico, destinato alla gestione dei pazienti affetti da epatopatia cronica. La tecnologia FibroScan consente di misurare in maniera rapidissima e indolore la fibrosi epatica, la cirrosi e la steatosi: parametri fondamentali per valutare le condizioni del fegato. Raccomandata nelle linee guida delle più importanti organizzazioni cliniche, tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), questa tecnologia ha introdotto un’alternativa non invasiva ed economicamente vantaggiosa alle dolorose biopsie epatiche, con cui il medico inseriva un ago nel fegato per prelevare un campione di tessuto.

Utilizzato insieme a FibroScan (Offrendo anche altri funzioni quali la Shear Wave Elastography, l’Imaging di contrasto e Tecniche avanzate di Fusione di immagine,) il LOGIQ™ S8 XDclear™ 2.0 con FibroScan fornisce ai medici uno strumento potente ed esclusivo per osservare e quantificare le epatopatie con un unico esame, dando loro risultati più affidabili ed una più ampia copertura dei pazienti.

Con questa collaborazione GE Healthcare ed Echosens sono entusiasti di aver ampliato il pacchetto di soluzioni per la diagnostica delle epatopatie e di aver concorso al miglioramento delle cure e degli esiti di tali patologie.

Per sapere di più su tutte le straordinarie funzionalità del LOGIQ™ S8 XDclear™ 2.0 può visitare la pagina web dedicata.

Consenso per i cookie