GE Healthcare

GE Healthcare Italia: da aprile congedo matrimoniale e permesso per assistenza del coniuge estesi anche alle coppie civilmente unite

La divisione medicale di General Electric ha esteso i diritti dei propri dipendenti, senza distinzione di orientamento sessuale e delle modalità scelte per regolare la propria convivenza

La decisione conferma l’impegno di GE per promuovere politiche di pari opportunità, di inclusione e promozione della diversità di ogni genere


  


3 Giugno 2016

GE Healthcare Italia ha introdotto ad aprile un programma per estendere i diritti dei propri dipendenti, senza distinzione di orientamento sessuale e delle modalità scelte per regolare la propria convivenza: gli istituti del congedo matrimoniale e il permesso per gravi motivi di assistenza e cura del coniuge sono infatti riconosciuti a tutte le coppie, anche dello stesso sesso, purché conviventi e unite civilmente o da un matrimonio riconosciuto in Italia o all’estero.

Un’iniziativa concreta per rafforzare l’impegno di GE Healthcare, divisione medicale di General Electric, e di tutta GE Italia, a favore di politiche di pari opportunità, di inclusione e promozione della diversità di ogni genere.

GE Italia aderisce infatti al network GLBTA, nato dalla comunità “Gay, Lesbian, Bisexual, Transgender and Allies”, fondata da GE nel 2005 e da quel momento cresciuta anno dopo anno negli Stati Uniti e nel resto del mondo. GE Italia fa inoltre parte di Parks – Liberi e Uguali, un’associazione che riunisce i datori di lavoro creata per aiutare le aziende socie a comprendere e realizzare al massimo le potenzialità di business legate allo sviluppo di strategie e buone pratiche rispettose della diversità.

GE Italia è attiva anche per l’equiparazione delle diversità di genere, attraverso il Women’s Network e Valore D, di cui l’azienda è socio fondatore dal 2009, e per quelle anagrafiche. Nel 2015, infatti, è stato avviato un progetto per integrare al meglio dipendenti di tre diverse generazioni: baby boomers (nati tra il 1946 e il 1965), generazione X (nati tra il 1966 e il 1980) e Y (nati tra il 1981 e il 1995). 

Tra i sostenitori del network italiano GLBTA, figura anche l’amministratore delegato di GE Healthcare Italia, Marco Campione: “I valori di autenticità, inclusività e lealtà, indipendentemente dagli orientamenti di natura sessuale, sono una parte fondamentale della cultura di un’azienda come General Electric”, ha affermato Campione. “La decisione di estendere i diritti dei nostri dipendenti senza distinzione di orientamento sessuale e delle modalità scelte per regolare la propria convivenza non rappresenta soltanto un primo passo concreto verso un welfare aziendale realmente uguale per tutti, ma anche un gesto simbolico per rendere il nostro ambiente di lavoro sempre più sano, sereno e senza pregiudizi. Poter essere sempre se stessi, infatti, è una condizione necessaria per crescere e valorizzare davvero il talento di ciascuno di noi”.


Consenso per i cookie