GE Healthcare

J Medical si è colorata di rosa per il mese della prevenzione del tumore al seno

Lunedì 24 Ottobre lo staff J Medical ha accolto tutte le persone interessate all’incontro per la prevenzione del tumore al seno

Per la prima volta in Italia è stato presentato l’innovativo sistema di ecografia mammaria Invenia Abus


  


1 Novembre 2016

Il mese di Ottobre rappresenta in Italia e nel mondo il “mese rosa” per la prevenzione del tumore del seno. Ogni giorno in Italia si scoprono 1.000 nuovi casi di cancro e il tumore al seno rappresenta circa il 30% di tutti i tumori femminili. Le cifre presentate dall'Associazione Italiana Registri Tumori (AIRTUM) fotografano una malattia socialmente importante, dove la prevenzione resta un fattore fondamentale. È, quindi, indispensabile che alle donne venga illustrato il percorso più corretto per una giusta prevenzione.

Per sensibilizzare la popolazione alla prevenzione J Medical ha invitato tutte le persone interessate, in particolare le donne, all’incontro “J Medical si colora di rosa” che si è tenuto lunedì 24 ottobre alle 18.00 presso il centro medico di via Druento 153/56 (Juventus Stadium) Torino.

Dopo un breve talk show, dove medici di primo livello hanno spiegato quali sono le regole e i consigli per una giusta prevenzione del tumore del seno, i partecipati hanno potuto confrontarsi con gli specialisti e hanno ricevuto in omaggio la J Medical Green Card,  la tessera che offre uno sconto del 5% su tutti i servizi sanitari proposti dalla struttura: dalla diagnostica alla medicina polispecialistica, dalla medicina sportiva alla riabilitazione fisioterapica.

L’evento ha visto la presenza, per la prima volta in Italia, di Invenia ABUS, l’innovativo sistema di ecografia mammaria installato presso il J Medical. La nuova tecnologia sviluppata da General Electric Healthcare, utilizza ultrasuoni 3D con scansioni volumetriche automatiche che consentono ai medici di aumentare la rilevazione di tumori invasivi anche in presenza di risultati mammografici normali o benigni. Dato che la tecnica ecografica non produce radiazioni ionizzanti, il sistema sviluppato da GE Healthcare risulta una pratica soluzione complementare per migliorare il processo di screening e diagnosi della patologia. Il volume 3D e l'accesso multiplanare permettono una vista globale della mammella, che consente diagnosi accurate e analisi non invasive.


Consenso per i cookie